/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2019, 16:59

Cep, l’impegno di Balleari: tornerà la pensilina in via Calamandrei

La Commissione II del Municipio VII Ponente si riunisce per approfondire temi legati alla viabilità, alla presenza del vice sindaco e assessore comunale. Ferrando (Pd): “Amt affronterà anche uno studio per fornire il servizio a Carnoli e per migliorare le linee 192 e 199”

Cep, l’impegno di Balleari: tornerà la pensilina in via Calamandrei

Tomtor, in Russia, è da anni in vetta alle classifiche con il primato, assai poco invidiabile, di città più fredda del mondo. Nei mesi invernali, la temperatura può arrivare sino a -72 gradi centigradi. È un contesto chiaramente estremo, dove aspettare il bus dentro o fuori da una pensilina fa veramente poca differenza. Un po’ sotto l’aspetto pratico, un po’ per la tempra speciale che hanno questi abitanti.

Venendo però a latitudini decisamente più miti, il caso di via Calamandrei al Cep continua a tenere banco. E qui, la pensilina che ormai manca da parecchio tempo servirebbe eccome.

Siamo lungo una delle strade più importanti sulle alture tra Pra’ e Voltri. E la fermata dell’autobus in questione è altrettanto frequentata perché ‘serve’ l’antistante Istituto Comprensivo Voltri 2, polo scolastico frequentato quotidianamente da centinaia di ragazzi. Qui, quando soffiano tramontana e scirocco, non si scherza. E per un bambino, aspettare l’autobus sotto la pioggia o con il volto sferzato da folate di vento gelido non è certo il massimo della vita.

Una di queste soffiate un po’ più forti del solito, lo scorso anno ha letteralmente lo scoperchiato la tettoia sotto la quale gli utenti trovavano un minimo di riparo. A seguito del danneggiamento, i resti del manufatto sono stati smontati e rimossi. E poi? La sostituzione è avvenuta? La pensilina nuova è stata installata? Ma quando mai.

Si sono mossi a livello comunale il consigliere di Tursi Fabio Ariotti e, a livello di Municipio VII Ponente, l’assessore ai Lavori Pubblici Matteo Frulio. Il vice sindaco e assessore comunale alla Viabilità Stefano Balleari è stato subito edotto della situazione.

Nei giorni scorsi, in occasione della Commissione II del VII Ponente, si è finalmente intravista una soluzione dopo mesi di battaglie e richieste: “Abbiamo richiesto - afferma Frulio - che venga ripristinata la pensilina dell’autobus nei pressi della scuola di Voltri 2 divelta da una bufera e su cui abbiamo già segnalato due volte la pericolosità dello stato attuale e la necessità di garantire una protezione a bambini e ragazzi che frequentano le scuole. Gli abitanti e genitori hanno presentato una raccolta firme. L’assessore del Comune di Genova, Stefano Balleari, si è impegnato ad acquistare la pensilina che, ha affermato, sarà installata prima della fine dell’anno scolastico”.

Quest’annata ci si è dovuti arrangiare, ma dalla prossima il problema dovrebbe quindi essere sistemato. Per i tanti genitori, che si erano mossi pure a livello ufficiale con una raccolta di firme, si tratta di una buona notizia.

La Commissione II, che si occupa di Bilancio, Assetto del territorio, Sviluppo economico, Tutela ambiente, Interventi manutentivi e Viabilità su base locale, ha poi affrontato altre questioni: “Alla presenza di Balleari e del dottor Santi di Amt - spiega Roberto Ferrando (Partito Democratico), presidente della Commissione - abbiamo trattato e discusso sulle problematiche afferenti le linee Amt dei quartieri collinari di Voltri. Tra i vari argomenti, si è deciso di affrontare con Amt uno studio per cercare di fornire il servizio anche a Carnoli e un eventuale spostamento del capolinea del 101 presso la Stazione F.S. dell’Acquasanta. Anche per le linee 192 e 199 si attende da parte di Amt uno studio mirato a un miglioramento di percorso”.

Si tratta di argomenti molto sentiti dalla cittadinanza e, giustamente e correttamente, la Commissione Municipale che opera sul territorio, ne è a stretto contatto e lo conosce molto bene, è lo strumento più utile e importante in questo senso, per fare da raccordo con le istituzioni centrali e con l’azienda che si occupa di mobilità e trasporti.

Per questo il ruolo dei Municipi non andrebbe mai diminuito né svilito, come invece spesso c’è la tendenza a fare su argomenti di più ampio respiro o quando c’è da prendersi il merito di determinate scelte. Creando poi gelate interpersonali e istituzionali al cui confronto il freddo di Tomtor è appena appena lieve. Leggasi, non da ultimo, il caso dei depositi costieri.

Ma questa è decisamente un’altra storia.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium