/ Politica

Politica | 02 ottobre 2019, 18:14

Cavo risponde a Rossetti sui trasporti per gli studenti: "Lavoro su emergenza ponte puntuale"

L'assessore regionale Ilaria Cavo replica alle critiche: "Rossetti si rivolga al suo ministro dei Trasporti per sollecitare finanziamenti"

Cavo risponde a Rossetti sui trasporti per gli studenti: "Lavoro su emergenza ponte puntuale"

“Ascoltiamo i cittadini, diamo risposte puntuali su ogni loro segnalazione e non andiamo dietro alle critiche pretestuose e strumentali di una minoranza che sfrutta una tragedia per fare politica e che non è stata in grado neppure di risarcire i danni di un’ alluvione che si era trovata a gestire”. Così l’assessore regionale alla scuola Ilaria Cavo risponde al comunicato odierno del consigliere Sergio Rossetti in merito alla situazione dei trasporti scolastici legata all’emergenza di ponte Morandi

E’ passato un intero anno scolastico dalla tragedia. Come mai in un intero anno il consigliere Rossetti non ha fatto un’interrogazione o un comunicato legato alla situazione della scuola? – si domanda Cavo -  La risposta è semplice: perché il piano “ripartiamo dalla scuola” ha funzionato e nessuno, tra comuni, cittadini, associazioni di pendolari ha fatto un’obiezione. Lo sa Rossetti quanti incontri abbiamo fatto con tutti i comuni, con tutte le aziende dei trasporti, con il Miur per fare in modo che i ragazzi iniziassero già lo scorso anno scolastico puntuale, a solo un mese dalla tragedia? E quanti abbiamo continuato a farne per attivare il nuovo piano per quest’anno?”.

La verità è una – l’assessore regionale alla Scuola - l’ex ministro Bussetti ha assistito l’emergenza scuola stanziando finanziamenti di diritto allo studio su cui possiamo contare anche quest’anno. Visto che il consigliere Rossetti pone problemi legati non alla scuola ma ai trasporti, agli orari di treni e Atp, perché non si rivolge al suo ministro delle infrastrutture per sollecitare Trenitalia sugli orari e su finanziamenti aggiuntivi per i trasporti, se li ritiene insufficienti? Ieri il ministro era qui. Glielo ha fatto presente? O erano troppo impegnati a fare ancora chiacchiere e ad aprire nuovi tavoli inutili sulla Gronda per ridefinire un progetto già chiaro e condiviso e che i liguri aspettano da 15 anni?”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium