/ Cronaca

Cronaca | 18 marzo 2020, 14:26

Emergenza coronavirus: a Borzoli un bell'esempio di senso civico

Una famiglia si autodenuncia avvisando i vicini di casa con un cartello pubblico

Emergenza coronavirus: a Borzoli un bell'esempio di senso civico

E' comparso prima in un palazzo di Borzoli, poi nel supermercato che si trova accanto e infine sui social.

Perché è un bell'esempio di senso civico, che è giusto si sappia. Due persone, madre e figlio o figlia, hanno appeso un avviso per fare sapere, per correttezza verso i vicini di casa, che un parente è risultato positivo al coronavirus, e che per questo si sono messi in quarantena. E ci sono i loro cognomi e il numero dell'interno dell'appartamento in cui vivono.

Grazie alla loro autodenuncia anche il supermarket dove fanno normalmente la spesa ha potuto informare i clienti.

Il plauso per questo gesto di civiltà è arrivato anche dai social, con i commenti di chi ha letto il post su un gruppo Facebook di Sampierdarena.

In quanti farebbero altrettanto? In un momento in cui si vive sul chi va là, in cui si dà la caccia all'untore, ma si cerca di fare anche i furbetti, trasgredendo alle regole e uscendo quando non è necessario e passeggiando lontano dal proprio quartiere (e perfino pur essendo infetti, come è accaduto a Voltri), questi gesti fanno riflettere - perché potrebbe capitare a tutti di essere contagiati o semplicemente di entrare in contatto con chi è positivo - e insieme sperare che ancora ci sia rispetto verso il prossimo. E che sì, andrà tutto bene.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium