/ Attualità

Attualità | 20 maggio 2020, 15:49

Multedo, parte a breve la stagione del “West Beach Levante C”

La spiaggia è stata livellata nei giorni scorsi, lo stabilimento balneare è oggetto degli ultimi preparativi per osservare le misure sanitarie e ci sarà un'app per prenotare cibo e bevande dall'ombrellone

Multedo, parte a breve la stagione del “West Beach Levante C”

La spiaggia è perfettamente pronta, tutti gli altri preparativi sono in corso: entro il 2 giugno, ma probabilmente anche qualche giorno prima, verrà inaugurata ufficialmente la stagione estiva del ‘West Beach Levante C’ ovvero lo stabilimento balneare di Multedo che dallo scorso anno è gestito dalla società sportiva Levante C, che si occupa sia di mantenere la propria area privata che di tenere nel decoro pure la parte pubblica dell’arenile di zona, uno dei principali del Ponente genovese insieme a quello di Voltri.

Come annunciato qualche mese fa, il lido è stato nuovamente livellato, anche grazie all’utilizzo di mezzi meccanici. La sabbia è stata vagliata, le pietre grosse sono state eliminate, le giuste pendenze sono state ristabilite. C’è stato qualche ritardo, dovuto all’emergenza sanitaria, ma ora si sta facendo una corsa contro il tempo, per farsi trovare pronti in vista della partenza ufficiale. Il presidente della Levante C, Marco Doragrossa, fa il punto della situazione: “Anno dopo anno, miglioriamo la qualità della spiaggia di Multedo. Sono stati fatti lavori con l’utilizzo di mezzi meccanici Cgt, manodopera specializzata e l’ausilio di alcuni soci del West Beach Levante C, in maniera contingentata per rispettare le ordinanze legate al covid. Ringraziamo il Municipio VII Ponente, il Comune di Genova, la Regione Liguria, l’Autorità portuale, la Capitaneria di porto di Genova, Geam per la raccolta dei materiali di risulta, Cgt per i mezzi, Italiareti per l’operatore e, naturalmente, i nostri soci”. Al vaglio è stato separato moltissimo legno, mentre i residui in plastica sono stati pochi. Ora la spiaggia è completamente in ordine. “Intanto, all’interno della nostra area - prosegue Doragrossa - stiamo finendo di allestire. Inizialmente apriremo lo stabilimento con le cabine, la braceria, la pizzeria e il chiosco bar. Il tutto sarà in stretta osservanza delle misure di sicurezza: quindi ombrelloni distanziati tra loro e divieto totale di assembramenti”.

Una mano concreta la darà la tecnologia: “Abbiamo introdotto un sistema di prenotazione a distanza non solo per il posto, ma anche per i servizi, una volta che si sarà a spiaggia. Si potrà ordinare da mangiare o da bere attraverso un’applicazione da scaricare sul proprio telefonino, attraverso la quale si potrà anche pagare. Si eviteranno quindi code alle casse e quanto ordinato verrà consegnato direttamente presso la rispettiva postazione, visto che tutti gli ombrelloni saranno numerati. Naturalmente, ci si potrà muovere anche all’interno dello stabilimento: ma mentre sotto l’ombrellone o nei suoi pressi ogni nucleo familiare potrà stare senza mascherina, negli spazi comuni questa sarà invece d’obbligo e, ai servizi igienici, sarà obbligatorio indossare pure i guanti. Le sanificazioni verranno fatte in maniera intensiva, in ogni spazio. Sarà un’estate particolare, ma noi ce la metteremo tutta per far rispettare tutte le regole e per operare in completa sicurezza”.

I posti saranno circa 160, poi si sta approntando pure una nuova tensostruttura, che sarà lunga diciotto metri e larga nove metri. “Chi vorrà ritirare presso il bancone, lo potrà comunque fare. Ci saranno cinque corsie, con direzioni per l’entrata e per l’uscita, in modo da evitare gli incroci. Quanto all’intrattenimento, il progetto è di chiamare, all’ora dell’aperitivo, alcuni dj. Purtroppo non potranno lavorare nelle discoteche, per il momento. Ma daremo loro modo di suonare comunque, accompagnando con il loro sottofondo. Alla braceria lavorerà invece Andrea Arnao, che ormai da più parti è considerato un ‘mago’ del bbq”. Discorso diverso per la spiaggia libera: “Noi - osserva Doragrossa - continueremo a tenerla pulita e nel pieno decoro. Sarà gratuita per tutti, ma anche qui varranno le regole del distanziamento sociale. Se ci sarà bisogno del nostro aiuto per regolare gli afflussi, saremo naturalmente disponibili a farlo”.

Proprio di controlli e di monitoraggio degli afflussi si è parlato questa mattina a palazzo Tursi, in occasione della Commissione consiliare avente per tema ‘Covid-19: situazione e prospettive Società Bagni Marina per meglio comprendere gli effetti economici provocati dall’emergenza’. Rispetto al guardianaggio da parte di volontari, sono state espresse diverse perplessità: “Siamo sicuri che il socio di un circolo di pesca o un volontario possano gestire in sicurezza l’accesso contingentato alle spiagge, visto che potrebbero crearsi situazioni di tensione?”: se lo chiede ad esempio Alessandro Terrile, consigliere comunale del Pd. La volontà della giunta è quella di mantenere totalmente gratuito l’accesso alle spiagge libere, ma per garantire il distanziamento le spiagge saranno suddivise in stalli da quattro metri quadrati a persona, dieci per le famiglie, e quindi ci si muoverà su tre opzioni.

La prima sarà “farsi dare una mano da quegli stabilimenti balneari confinanti con le spiagge libere, dando loro in cambio la possibilità di noleggiare sdraio e ombrelloni agli avventori che ne avessero necessità, la spiaggia resta quindi libera ma se vogliono possono sfruttare i servizi dello stabilimento confinante a pagamento”, spiega il consigliere delegato alla Protezione civile, Sergio Gambino. “La seconda opzione vede il coinvolgimento di operatori economici, gestori di chioschi, associazioni sportive o circoli di pesca - continua Gambino - Anche in questo caso, possono dare una mano in cambio della possibilità di vendere servizi ai cittadini nelle spiagge libere”. La terza opzione, infine, prevede il controllo da parte di volontari di protezione civile, ai quali il Comune è intenzionato a corrispondere un rimborso spese.

Il consigliere delegato Gambino ha inoltre sottolineato che presto sarà a disposizione un’app che segnalerà in tempo reale la presenza di stalli disponibili, proprio per evitare che i cittadini si presentino sui litorali e siano mandati via. Sulle scogliere, ovviamente, niente stalli.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium