/ Municipio Medio Levante

Municipio Medio Levante | 07 maggio 2021, 12:00

Esselunga, nuova protesta domattina in via Piave

Legambiente a fianco dei cittadini per dire "basta traffico, no al lungo orario al bar. Auspichiamo che le amministrazioni locali e comunali recepiscano l’esigenza dei residenti"

Esselunga, nuova protesta domattina in via Piave

Esselunga, nuova protesta domattina in via Piave. Sarà una manifestazione pacifica, domani, nel Municipio VIII Medio Levante, sul marciapiede, quella dei residenti che ancora una volta scendono in piazza con striscioni e richieste.

“Perché l’obiettivo è fare capire il disagio - spiega Andrea Agostini di Legambiente che supporta il comitato in questa protesta e segue la battaglia da dicembre, quando i residenti dissero il primo no all’insediamento di questo grande supermercato - La situazione oggi è inaccettabile: questa era una strada verde tranquilla e silenziosa, ma tutto è cambiato”. Così domattina alle 10,30, ecco il presidio in via Piave contro il traffico causato da Esselunga e il prolungamento d’apertura del bar Atlantic. “I cittadini residenti in Via Piave e vie limitrofe - si legge nell’annuncio del presidio - protestano per: l’aumento di traffico causato dai clienti di Esselunga e dagli enormi bilici di rifornimento di Esselunga nella via e nel quartiere; l’aumento conseguente dell’inquinamento ambientale con danno per la salute e qualità della vita dei residenti; l’aumento ulteriore di inquinamento acustico di notte nella via, durante la stagione estiva, se l’orario di apertura del Bar Atlantic venisse prolungato oltre l’attuale (ore 21). Con l’approssimarsi della stagione balneare, l’aggiunta ulteriore dei veicoli diretti agli stabilimenti balneari; code inevitabili, prevedibili, su tutta corso Italia, sia per i veicoli privati in transito, sia per i mezzi pubblici: aumentato inquinamento per i ciclisti in transito; situazione analoga di ingorghi e code sulla direttrice interna Rosselli-De Gasperi-Righetti, fino a Cavallotti. Spostare le code non risolve il problema alla base: l’assurda decisione di inserire una struttura da 1500 mq + 500 mq di bar, nella via e nel quartiere, evidentemente non idonei a ricevere il traffico aggiunti”.

“Se davvero dovessero aprire un bar da 500 metri quadrati - chiude Agostini - aperto fino alla sera tardi, ecco che la pace di chi vive lì, soprattutto quest’estate, sarebbe davvero finita. Un locale all’aperto con le persone che chiacchierano sino a sera tardi sotto le finestre aperte è inaccettabile. Questa è la prima manifestazione, auspicando che le amministrazioni locali e comunali recepiscano l’esigenza dei residenti, diversamente si può anche pensare a forme di protesta più incisive”.

Da tempo si levano gli scudi su queste nuove aperture a Genova, che crescono come funghi, ma non sembrano in grado di stare al passo con la viabilità, perché non ‘rivista e corretta’ in fase progettuale e dopo l’apertura della prima Esselunga in via Piave è in arrivo quella a San Benigno a due passi dal terminal traghetti.

La delibera per quella di via Piave è stata approvata dal consiglio comunale di Genova con 21 voti a favore a febbraio (Lega, Vince Genova, Fratelli d’Italia, Cambiamo e Forza Italia) e 16 voti contro (Movimento 5 Stelle, Lista Crivello, Pd, Paolo Putti di Chiamami Genova, Ubaldo Santi Gruppo Misto e Italia Viva).

A dicembre l’opposizione definì l’iniziativa ‘La tempesta perfetta per il Medio Levante’. Il gruppo Pd, A Sinistra e Noi Con Morgante Municipio Medio Levante attaccò l’amministrazione sul tema della viabilità fra Albaro e Foce con un comunicato stampa firmato dai consiglieri Alessandro Morgante, Enrico Frigerio, Elena Putti, Edoardo Marangoni, Andrea Crocilla e Leonardo Cassinese: nel documento si denunciava già come l’apertura del supermercato Esselunga in via Piave segnasse un punto di non ritorno per le difficoltà viabilistiche che affliggono la zona.

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium