/ Municipio Centro Ovest

Municipio Centro Ovest | 24 luglio 2021, 12:30

Ansaldo e Valpolcevera unite e complementari tra storia e lavoro, in una serata di proiezioni di foto d’epoca su industria e vita della vallata

La Fondazione Ansaldo in ambito dei programmi della Radura della Memoria, propone per questa sera un evento a partecipazione gratuita, rievocando attraverso foto e documenti antichi l’evoluzione della vita in Valpolcevera

Ansaldo e Valpolcevera unite e complementari tra storia e lavoro, in una serata di proiezioni di foto d’epoca su industria e vita della vallata

La storia della Valpolcevera viaggia in buona parte con quella dell’industria a Genova, si compenetra e la rende grande. Va in questo senso l’iniziativa storica e culturale in programma questa sera, sabato 24 luglio, di proiezione di filmati da parte della Fondazione Ansaldo, azienda iconica del mondo del lavoro genovese e italiano, tratti dalla cineteca di questa.

La serata si inquadra nel programma di eventi della Radura della Memoria organizzati dal Comune di Genova e dal Municipio II Centro Ovest per rendere omaggio alla zona e quasi operazione di riscatto dopo che questa ha sofferto di problemi anche notevoli negli ultimi anni, dei quali il più clamoroso è stato ponte Morandi. Ansaldo si trovava nel cerchio rosso, a due passi dal ponte crollato. Chi dunque poteva interpretare meglio storia e sentimenti della zona?

I filmati storici della Cineteca di Fondazione Ansaldo racconteranno lo sviluppo industriale parallelo a quello della zona, con grande attenzione al lavoro delle donne ‘in primis’, ritratte in foto d’epoca e quando il lavoro femminile era ancora un’eccezione. Ma le foto d’epoca proiettate saranno davvero molte e interessanti, tra le quali spiccheranno quelle di maestranze operaie in epoche di lavoro faticoso oltre misura e con grandi fatiche personali.

Non mancherà in tutto ciò la tematica dello sviluppo del lavoro industriale nella vallata, attraverso le sue aziende. L’iniziativa va anche nel senso dell’intensa attività culturale della Fondazione, che cavalca ottimamente il binomio cultura e lavoro.

Basti ricordare la mostra su Leonardo, spettacoli sul tema ponte. La proiezione sarà all’aperto ed inizierà alle 21 con partecipazione gratuita nel rispetto delle norme anti Covid. Presentatori dei filmati saranno Claudia Cerioli, responsabile archivi di Fondazione Ansaldo, e Pietro Repetto, responsabile Fototeca e Cineteca di Fondazione Ansaldo.

Ad Ansaldo spiegano come l’idea sia maturata nell'ambito di una sorta di filosofia di unire il patrimonio culturale con nuovi eventi dedicati a territorio e quartiere. “Un buon matrimonio”, affermano alla Fondazione, da dove spiegano come non ci saranno istituzioni, ma cittadini e persone comuni, proprio per sottolineare che gli eventi sono qualcosa di comunitario per la popolazione.

Ed intanto è annunciato prossimamente, e in un futuro assai vicino, un libro per ricordare il novantesimo del varo del mitico Rex, la cui costruzione è un altro importante tassello di cui va fiera Genova, grazie ad Ansaldo e la sua storia di lavoro nella città. All’iniziativa è prevista una partecipazione massiccia da parte di residenti ma anche persone in qualche modo legate alla valle o amanti della storia di Genova. La Valpolcevera rappresenta infatti una parte antica e importante della città. La culla del lavoro industriale, dell’industria manifatturiera sulla quale la città è cresciuta in maniera esponenziale nel dopo guerre. Lavoro, urbanizzazione, occupazione, sono temi sui quali pare scorrerà la serata dove il supporto della immagine si presenta come primario ed essenziale. Immagini capaci di rappresentazione ed illustrazione della vita più di qualunque narrazione o discorso.

Dino Frambati

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium