/ Politica

Politica | 22 novembre 2022, 17:57

Inammissibile la class action contro Autostrade, il tribunale boccia l'istanza di Sansa

Il tribunale di Roma ha messo la parola fine, salvo improbabile appello, all'azione mossa dai consiglieri regionali Ferruccio Sansa e Roberto Centi

Inammissibile la class action contro Autostrade, il tribunale boccia l'istanza di Sansa

Inammissibile la class action contro Autostrade. Il tribunale di Roma ha messo la parola fine, salvo improbabile appello, all'azione mossa dai consiglieri regionali Ferruccio Sansa e Roberto Centi, portata avanti insieme all'avvocato e consigliere comunale Mattia Crucioli attraverso la quale venivano chiesti rimborsi fino a 3mila euro per i cittadini liguri che hanno subito danni causati dai cantieri sulle autostrade dopo il crollo del ponte Morandi.

Non pare, - si legge nella sentenza - dalla prospettazione del ricorso, che queste situazioni siano dedotte come successive ed autonome violazioni degli obblighi manutentivi e di custodia e non piuttosto come conseguenze necessarie ed inevitabili della violazione di tali obblighi nel periodo anteriore al crollo del viadotto Polcevera; in questo secondo senso si deve osservare che esse sono, in parte, future e quindi che non potrebbero essere dedotte come condotte illecite causative di danno ma solo quali componenti o fattori causali di un danno non ancora concretizzatosi nella sua interezza”. 

Sono contentissimo di aver portato avanti questa battaglia, non abbiamo piegato la testa – ha commentato Sansa a La Voce di Genova - valutiamo se fare appello, ma abbiamo di fronte un colosso. Ricorrere in appello significherebbe rischiare di rimetterci centomila euro, e con questa azione ne abbiamo già spesi più di diecimila”. 

Sansa ha commentato la notizia con un lungo post su Facebook: “Era Davide contro Golia, lo sapevamo. Era una battaglia coraggiosa e difficile: noi con un avvocato (grazie Mattia Crucioli). Autostrade che si è presentata in aula con 13 legali. Loro avevano mezzi illimitati. Miliardi”. 

Alla class action hanno aderito oltre tredicimila cittadini liguri.

Francesco Li Noce


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium