/ Attualità

Attualità | 26 ottobre 2021, 08:27

Striscia la Notizia boccia le piste ciclabili di Genova: "Un vademecum di come non vanno fatte" (FOTO e VIDEO)

A cimentarsi con le tortuose corsie ciclabili l'inviata Chiara Squaglia, che ha mostrato le difficoltà che incontrano ogni giorno i ciclisti genovesi, tanto che la stessa Squaglia definisce quella genovese una "variegata follia ciclabile"

Striscia la Notizia boccia le piste ciclabili di Genova: "Un vademecum di come non vanno fatte" (FOTO e VIDEO)

Genova e le sue piste ciclabili sono state al centro di un servizio andato in onda ieri sera su Striscia la Notizia, la popolare trasmissione su Canale 5. A cimentarsi con le tortuose corsie ciclabili l'inviata Chiara Squaglia, che ha mostrato le difficoltà che incontrano ogni giorno i ciclisti genovesi, tanto che la stessa Squaglia definisce quella genovese una "variegata follia ciclabile".

QUI IL LINK PER VEDERE IL SERVIZIO

Ci sono vie infatti in cui lo spazio è delimitato da quattro linee tratteggiate, due gialle e due bianche. "Lo spazio che dovrebbe mettere i ciclisti in condizione di sicurezza li espone a rischio della propria incolumità", commenta l'inviata

In un altro punto la corsia pedonale diventa rossa e in altri tratti la pista si restringe, fino a diventare un esile spazio sulla destra indicato solo da alcune biciclette e freccette disegnate senza linee di delimitazione.

L'inviata mostra come in un altro tratto la corsia è posta a sinistra e si interrompe prima di un incrocio per ricomparire nella via accanto sulla destra.

Striscia la Notizia ha interpellato Enrico Bonizzoli, consulente e progettista, esperto di sicurezza stradale, che ha definito la ciclabile genovese "Un vademecum di tutto ciò che non deve essere fatto per quanto concerne la viabilità ciclabile. - ha dichiarato - Tralasciando il fatto che le corsie ciclabili non sono ancora normate, e quindi non si possono fare, nel caso specifico ci si è sbizzarriti utilizzando intere delimitazioni in eccesso, quattro anziché le due previste. Sono stati realizzati percorsi ciclabili troppo stretti, ben al di sotto delle misure minime prescritte e disseminati di pericolosissimi ostacoli quali tombini o parcheggi posti a destra della viabilità ciclabile. Si è colorato l'asfalto con vernice rossa, nonostante il codice della strada lo vieti e una volta esaurita la vernice si è riempita la sede stradale di frecce e simboli senza linea di delimitazione".

"Ricordiamo a chi di dovere che sulla sicurezza dei cittadini per le strade non si scherza", ha concluso l'inviata di Striscia, rivolgendosi alle istituzioni locali.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium