/ Sport

Sport | 21 maggio 2023, 17:56

Festa dello Sport, 110 mila atleti e appassionati al Porto Antico

La domenica mattina si è caratterizzata con la corsa del Miglio Blu, appuntamento ormai consolidato della Festa, che ha visto 100 velocisti e il MiniMiglio, con 250 piccoli volenterosi corridori

Festa dello Sport, 110 mila atleti e appassionati al Porto Antico

Una Festa dello Sport da “110 e lode”: sono stati 110.000 gli atleti e appassionati di ogni età che hanno sconfitto il meteo capriccioso e hanno affollato il Porto Antico di Genova per tre giorni intensi, tra sport, emozioni e sorrisi.

«Correte a fare sport, scoppierà un’epidemia di salute»: questa frase, tratta da uno degli 8.172 elaborati inviati per il concorso “Il bello dello Sport”, ha rappresentato perfettamente la diciannovesima edizione della Festa dello Sport. Un’edizione partecipata, affollata, ricca, che ha visto uno straordinario flusso di persone per nulla intimorito dalle condizioni metereologiche. Ancora una volta ha vinto la voglia di fare attività fisica, che stimola il buon umore e riesce a vincere anche il grigio del cielo che ha caratterizzato questo weekend.

Il freddo autunnale ha invogliato anzi ancora di più a riscaldarsi facendo sport, e ha spinto molti ad addentrarsi nei Moduli dei Magazzini del Cotone. Prese d’assalto le aree del kung fu e del judo, che hanno entrambe visto susseguirsi circa 1.500 bambini alle prese con le loro prime mosse di arti marziali. Enorme successo anche per il tiro con l’arco, con oltre 2.300 frecce scoccate. Continua a conquistare da oltre 70 anni il subbuteo, una delle novità di quest’edizione: circa 3.500 le persone che hanno voluto provare o riprovare l’adrenalina di sfidarsi sul tavolo da gioco.

Festa dello Sport 2023 ha aperto venerdì con la giornata tradizionalmente dedicata alle scuole, che ha visto susseguirsi, tra Baby Maratona, Olimpiade delle Scuole, Palio Remiero e giochi studenteschi oltre 1.500 studenti. Tanti gli ombrellini e gli impermeabili che hanno invaso l’area e che hanno dato colore a un primo giorno caratterizzato dalla pioggia.

Gli eventi e gli spettacoli dei tre giorni hanno entusiasmato tutto il pubblico, tra balli, premiazioni, lezioni di fitness e tanto altro: Auxilium Day e Festa della Ginnastica hanno attirato 3.000 persone nel pomeriggio di sabato, il torneo di Judo quasi un migliaio la mattina della domenica.

Una Festa che ha vissuto non solo di giorno, ma anche di sera: dall’antipasto di giovedì 18 maggio con il Galà delle Stelle nello Sport, che ha premiato come di consueto sportivi e società sportive più amate davanti a oltre 400 persone al Galà della Danza Uisp e i suoi 500 iscritti, per proseguire con il Galà delle Discipline Orientali UISP con 650 presenze e la Notte magica delle Stelle con l’esibizione dei Buio Pesto davanti a oltre 300 spettatori. Chiusura davanti al maxischermo sotto la sopraelevata per seguire insieme la partenza da Newport di The Ocean Race, in attesa del Grand Finale in arrivo tra poco più di un mese. Quattro serate variegate ed emozionanti, che hanno dato reso possibile una non stop di sport e spettacolo per poter vivere davvero a 360 gradi un weekend di spensieratezza.

La domenica mattina si è caratterizzata con la corsa del Miglio Blu, appuntamento ormai consolidato della Festa, che ha visto 100 velocisti e il MiniMiglio, con 250 piccoli volenterosi corridori.

Alle 12:30, in un primo pomeriggio finalmente baciato dal sole, si è tenuto l’incontro “Le Stelle nello Sport per Genova 2024” sul Palco della Festa dello Sport nel Piazzale Mandraccio davanti a oltre 250 atleti e dirigenti sportivi. Sul palco, con le assessore allo sport Alessandra Bianchi (Comune di Genova) e Simona Ferro (Regione Liguria), il vicepresidente vicario del Coni Andrea Fossati e il membro di Giunta Piero Picasso con numerosi dirigenti sportivi liguri. Sono state premiate quattro realtà che incarnano alla perfezione i valori del progetto “Genova Capitale europea dello sport”: lo sport al femminile e quello dei giovani, lo sport che include e quello per tutte le età. Sul palco i rappresentanti delle selezioni della Lega Nazionale Dilettanti di calcio, guidate dal presidente Giulio Ivaldi, dopo lo straordinario risultato al Trofeo delle Regioni. Poi Sofia Rebora, stella della pallavolo che ha conquistato quest’anno Coppa Italia e promozione in A1 con la squadra di Roma. E ancora la Bic Genova, straordinaria realtà dello sport per tutte le abilità, e Giobatta Persi, ciclista genovese che all’età di 85 anni è sempre in sella per sfidare il tempo e proverà a battere il record mondiale dell’ora over 85. Ospiti d’onore Christian Puggioni, ex campione della Sampdoria, oggi coordinatore degli eventi di Genova 2024, e l’atleta paralimpico Gian Filippo Mirabile. Sul Palco al Mandraccio si è esibito anche Paolo Rossi con il suo spettacolare “Freestyle”.

Nel pomeriggio, Maurizio Lo Bartolo ha battuto il record del mondo nei 1000 metri al remoergometro nella categoria pr3 non vedenti, con 3.36.04 che superano l’ultimo dato registrato nel 2020 da un campione neozelandese di 4.39.00.

Grande, rinnovato successo per la Jet Ski Therapy con il pluricampione Fabio Incorvaia, che ha regalato a 150 ragazzi, soprattutto con disabilità, l’emozione di fare un giro sulla moto d’acqua.

Gli amici a quattro zampe della Dog Therapy hanno offerto coccole e buon umore a oltre 200 bambini, impazienti di dare una carezza o dare un premietto ai pazientissimi cani di Skadog.

Affluenza costante anche per le attività classiche come calcio, basket, tennis e grande interesse anche per bocce, mountain bike e pugilato. Forti emozioni per il doppio torneo di calcio integrato che si è svolto nel campo di Piazzale Mandraccio, che ha visto rincorrere fianco a fianco il pallone giocatori di ogni abilità.

2500 i Passaporti dello Sport riconsegnati da bambini sudati ma felici dopo aver provato quante più attività possibili, impazienti di ritirare i gadget ufficiali della Festa e simpatici premi messi a disposizione degli sponsor.

"Anche questa edizione di Festa dello Sport ha soddisfatto tutte le nostre aspettative - dichiara il presidente della Porto Antico di Genova S.p.A. Mauro Ferrando - Non possiamo che essere orgogliosi del risultato finale: nonostante la pioggia e il clima autunnale sono state tantissime le persone che nei tre giorni sono venute a provare e scoprire le oltre cento discipline di quest’anno, grazie alla qualità dell’offerta e all’impegno che ogni singola realtà mette in campo"

“Festa dello Sport si è riconfermata la festa di tutti, con un pubblico entusiasta che anche quest'anno è accorso numeroso per mettersi in gioco - afferma la responsabile eventi di Porto Antico Spa Luisella Tealdi - Da anni vediamo crescere questo importante evento che appassiona generazioni di genovesi, e non solo. Da domani inizieremo a lavorare alla prossima edizione che sarà quella dei vent’anni di Festa nell’anno di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport”

“Per due giorni abbiamo avuto il sole “dentro” di noi. Alla fine anche il meteo si è arreso e ha lasciato che il sole venisse anche fuori. A far brillare la magia della Festa dello Sport! Siamo orgogliosi di promuovere questo evento al fianco di Porti Antico e di celebrare in questo villaggio unico le nostre “stelle”. Seminiamo passione e valori dello sport coinvolgendo oltre 200 realtà sportive. Un gioco di squadra straordinario” - aggiunge l'ideatore di Stelle nello Sport Michele Corti.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium