/ Politica

Politica | 02 luglio 2020, 16:55

Al porto antico di Genova nasce il primo centro estivo per l’orientamento d’Italia

E' dedicato agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado: primo segnale della ripresa della socialità per i giovani

Al porto antico di Genova nasce il primo centro estivo per l’orientamento d’Italia

Sarà un mese di luglio speciale per gli studenti e le loro famiglie con gli incontri dedicati all’orientamento, all’aria aperta, promossi dal progetto ‘Orientamenti’ di Regione Liguria al porto antico di Genova: dopo lo sforzo messo in atto per la ripartenza dei centri estivi, primo segnale della ripresa della socialità per i giovani, Regione Liguria offre uno spazio estivo di educazione e orientamento: una serie di giornate dedicate all’orientamento, di occasione di educazione e al tempo stesso di svago per i giovani e anche per le famiglie; il tutto con la massima attenzione ai protocolli di sicurezza e con format che permetteranno prenotazioni e partecipazione in massima sicurezza.

‘Orientamenti summer’ è dedicato agli studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado: a tutti gli eventi programmati in piazza delle feste al Porto Antico si può accedere liberamente fino ad esaurimento dei 230 posti disponibili; per tutti gli altri eventi è richiesta prenotazione come da indicazioni sul sito www.orientamenti.regione.liguria.it o telefonando al numero 010/2491310 (lunedì-venerdì, ore 9-18).

“Il progetto non s’è mai fermato – spiega Ilaria Cavo, assessora regionale alla Formazione – neppure nei mesi di chiusura garantendo a studenti e famiglie, insieme a #Progettiamocilfuturo, appuntamenti sul web e sui social ai quali hanno partecipato, al termine dell’anno scolastico, 1.418 studenti, 964 genitori e 531 docenti. Ora con “Orientamenti summer” apriamo il primo centro estivo dell’orientamento d’Italia con una serie d’attività collegate a date speciali, al territorio, alla sua storia e alle sue eccellenze: dalle tecnologie al mare, passando per la cultura e lo sport mettendo a fattor comune le competenze e le professionalità”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium