/ Politica

Politica | 14 luglio 2021, 12:10

Il porto di Genova e le sue evoluzioni al 'Blue District', Maresca: "Il futuro sono le professioni che ci porteranno a espanderci a livello europeo" (FOTO E VIDEO)

Il convegno si è tenuto questa mattina, tra i relatori l'assessore comunale allo sviluppo economico portuale e logistico Francesco Maresca

Il porto di Genova e le sue evoluzioni al 'Blue District', Maresca: "Il futuro sono le professioni che ci porteranno a espanderci a livello europeo" (FOTO E VIDEO)

Genova, il futuro del porto e le sue professioni sono stati al centro di un focus che si è tenuto questa mattina nell'ambito del 'Blue District', dal titolo “Il porto e le sue evoluzioni: focus on industry 4.0, processi e competenze', a cui ha preso parte, tra gli altri, l'assessore comunale allo sviluppo economico portuale e logistico Francesco Maresca.




Abbiamo creato con 'Blue District' questo importante convegno – spiega Maresca a La Voce di Genova - che è un evento che va a mettere la firma definitiva su un accordo che abbiamo stipulato dal punto di vista informale con Spediporto, Assiterminal e Gi Groupe per fare un po' di comunità dal punto di vista del lavoro e della formazione all'interno della città di Genova. Il nostro obiettivo con il 'Blue District' è creare uno spazio fisico, ma anche sostanziale e critico in determinati momenti, per aumentare i posti di lavoro e trasformare quelle professioni che stanno diventando digitali in questo contesto mondiale”.

Da questo spazio nasceranno le evoluzioni che porteranno al futuro dello spazio portuale. Il futuro passa dalle nuove tecnologie, come ricorda Maresca e come ha più volte ricordato il sindaco Marco Bucci, che si è posto l'obiettivo di rendere 'green' il porto di Genova entro i prossimi sei anni. (QUI)

Per Maresca, la digitalizzazione porta soprattutto a una snellezza dei processi doganali, un punto fondamentale per permettere al porto di Genova di espandersi a livello europeo.

Come assessorato al porto – spiega Maresca - crediamo che le nuove professioni siano sempre più dedicate al blockchain, alla digitalizzazione, a tutto quello che prevede nuove tecnologie all'interno dell'ambito marittimo, una maggiore snellezza dei processi doganali che molto spesso rallentano le nostre procedure portuali e le nostre imprese, la nostra economia. Quindi tutte quelle professioni che invece riescono ad aumentare, a snellire queste procedure dal punto di vista digitale, credo che siano il futuro di questa città, di questo porto, ma anche credo del nostro paese. Genova vuole essere un modello per questo, che si avvicini ai porti del nord Europa che sono il traguardo definitivo che ci permetterà di espanderci a livello europeo, non soltanto come capitale del Mediterraneo, ma anche come una delle capitali dei porti dell'Europa”.

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium