Attualità | 16 ottobre 2021, 11:33

Prolungamento metropolitana e linea ferroviaria merci: progetti e speranze nell’assemblea pubblica del Comitato di Certosa (FOTO)

Maranini: "La speranza di evitare l'oblio per Sampierdarena e Certosa la troviamo nella partecipazione motivata delle persone"

Prolungamento metropolitana e linea ferroviaria merci: progetti e speranze nell’assemblea pubblica del Comitato di Certosa (FOTO)

“Presente all'incontro del Comitato di Certosa nella palestra della scuola Caffaro: si parla del prolungamento metropolitana e della linea ferroviaria merci che da Fegino dovrebbe arrivare nel porto di Genova, il condizionale è sempre d'obbligo. Progetti? A che punto sono realmente? Preliminare? Esecutivo? Definitivo? La realtà è che sono indietro di molto. Lo troviamo scritto proprio nel sito dell'Autorità portuale: la speranza di evitare l'oblio per SampierdarenaCertosa la troviamo nella partecipazione motivata delle persone e la troviamo anche andando a guardare gli interventi infrastrutturali del porto di Genova”: è quanto si legge in una nota di Fabrizio Maranini, presidente della seconda commissione del Municipio Centro Ovest.

Nel dettaglio (estratto dal sito ufficiale dell’Autorità portuale): 1) La Linea che coinvolge Campasso Landi al Porto: codice opera P.2930, titolo progetto: Riqualificazione infrastrutture ferroviarie di collegamento al Parco Campasso (galleria di Molo Nuovo), importo complessivo 17.800.000 euro, attività progettazione esecutiva in corso, attività preliminari di cantiere con lavori di demolizione armamento ferroviario, avvio gara di appalto integrato per restanti lavori in corso, data inizio lavori: 15 luglio 2021, data fine lavori: 1 dicembre 2022.

2) La linea che non passerà da Campasso Landi: il progetto ha l'obiettivo di potenziare l'attuale parco ferroviario di Fuori Muro a servizio dei terminal del bacino portuale di Genova Sampierdarena, prevede l'installazione di sette binari fino a 750 metri di lunghezza per la movimentazione di treni completi a standard europeo, l'attivazione del nuovo sistema di segnalamento secondo gli standard dell'Agenzia nazionale sicurezza ferroviaria e la realizzazione dei nuovi impianti di trazione elettrica ferroviaria. Data di ultima modifica: 30 luglio 2021, importo complessivo 65.000.000 euro, attività in corso progetto definitivo, data inizio lavori: 1 gennaio 2022, data fine lavori: 1 dicembre 2024.

Comunicato stampa

Leggi tutte le notizie di I VEGETTI ›

I Vegetti

SINOSSI:
BEPPE e GINO, due tipici vecchietti genovesi, dalla loro panchina, dalla fermata del bus o dall’immancabile cantiere per strada, osservano, commentano e spesso “mugugnano“ sul mondo che li circonda, confrontandolo con quello dei loro tempi.
Gli sketch scaturiscono dalla simpatia e ingenuità dei due personaggi che tentano goffamente di stare al passo coi tempi. Tra strafalcioni, equivoci, modi di dire e un forte accento genovese, Beppe e Gino parlano del mondo che li circonda in svariate location di Genova e della Liguria.

NOTE DI INTENTI:
La serie nasce dall’idea di creare un ponte generazionale tra gli anziani, che vivono in un mondo dove tecnologia e cambiamenti avanzano rapidamente, e i loro nipoti, abituati a tutto questo. Ciò fa sì che i giovani li guardino spesso in modo perplesso, e che questi due mondi siano più distanti di quanto si pensi.
La volontà è quella di creare un punto di incontro culturale: da un lato far familiarizzare gli anziani agli argomenti e al gergo dei giovani (cellulari, app, gadget tecnologici e tutto ciò che essi comportano); dall’altra avvicinare i giovani ad una tradizione fatta di dialetto, modi dire, di una comicità in stile Govi, e di luoghi tipici della nostra regione.
Entrambi questi pubblici hanno qualcosa in cui riconoscersi.
Il pubblico più giovane riconosce Beppe e Gino come i loro nonni, quindi visti con gli occhi ironici e affettuosi dei nipoti nativi digitali, e tramite un format che parla la loro stessa lingua (la webserie). Il pubblico più anziano invece si riconosce nei protagonisti, nel loro modo di fare, di parlare, di ragionare, nelle storie sul loro passato. Entrambi possono trovare un punto d’incontro nei luoghi dove sono ambientate le singole puntate.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium