/ Cultura

Cultura | 02 luglio 2022, 12:12

L'album "Waves", a Eolie Music Fest i suoni subacquei del porto di Genova

il primo album della factory sonora Stellare, figlio di due residenze artistiche tenutesi presso il Galata Museo del Mare e presso l’Acquario di Genova, nell’ambito del festival Zones Portuaires presentato a EOLIE MUSIC FEST

L'album "Waves", a Eolie Music Fest i suoni subacquei del porto di Genova

Stellare, il collettivo fondato da Ale Bavo, FiloQ e Raffaele Rebaudengo, è tra gli ospiti di EOLIE MUSIC FEST 2022, dal 30 giugno al 5 luglio nelle Isole Eolie, per la seconda edizione del festival musicale tra mare e terra che propone un nuovo format con i live a bordo del palco-caicco itinerante -una barca a vela turca di 27 metri- nelle baie di fronte alle Isole Eolie e diversi eventi «terrestri» che attraverseranno le spiagge, i locali e le strade di Lipari, Vulcano, Salina e Stromboli.

Tra le novità di questa seconda edizione, l’inaugurazione del primo studio di registrazione e produzione musicale sull’Isola di Lipari che accoglierà diversi ospiti nazionali e internazionali a cura di Stellare, factory sonora, label e collettivo che tra sessioni di produzione mattutine e pomeridiane, accompagnerà tutto il festival lavorando in studio con gli artisti ospiti per trasformare i suoni delle Isole e del Vulcano in composizioni musicali. 

“Wave” è un album di inediti figlio di due residenze artistiche tenutesi a Genova, nell’ambito del festival Zones Portuaires, che hanno visto otto producers creare composizioni partendo dai suoni sottomarini. Una soundtrack degli abissi dilatata, lenta, minimale, un viaggio che parte dalla Costa Ligure e dai suoi suoni più profondi, fino ad immergersi in un grande club immaginario, pulsante e claustrofobico nella ciclicità di un vortice di correnti, composto proprio a partire da un database di suoni subacquei la cui origine era sconosciuta all’uomo e da suoni sottomarini appositamente registrati ai piedi della ex piattaforma offshore Porto Petroli, al largo del porto di Genova  I luoghi, i soundscape e la mappatura sonora che i producers hanno creato sono stati sia un gesto di studio e ascolto, sia tasselli di costruzione di una nuova geografia uditiva confluita proprio nell’album dove ci sono i synth liquidi e densi, le chitarre, e poi la viola, il sax, il pianoforte. Ma soprattutto c’è il mare, i suoi abissi più profondi, il ritorno all’utero della Vita.

A suonare nell’album, oltre ai musicisti e producer fondatori del collettivo, Ale Bavo, FiloQ e Raffaele Rebaudengo, sono Moritz Schuster, jazzista, produttore e sassofonista tedesco, Federico Dragogna, penna e chitarra dei Ministri e produttore (Vasco Brondi, Paola Turci, Lucio Corsi), il sound artist Guido Affini, Alberto Bof, pianista e compositore di colonne sonore a Hollywood e il producer genovese Francesco Bacci aka Lowtopic membro degli Ex-Otago. Il risultato è un lavoro in cui l’elettronica cinematica incontra ambient e psichedelia, le orchestrazioni acustiche sono sorrette da algidi beat sincopati. IDM onirica, sospesa e galleggiante, dove le sub frequenze dei fondali oceanici salgono in superficie fino a connettersi con la bass music suonata nei club. Un’onda. Un flusso di suono, ritmo e melodia per capovolgere il punto di osservazione e trasformare il mare in cielo.

Martedì 5 luglio, oltre ad alcuni estratti da “Wave” in esclusiva, Stellare presenterà anche una suite basata sui suoni delle isole e del vulcano, scaturita dal lavoro durante il festival con gli artisti ospiti del primo studio di registrazione e produzione sull’Isola di Lipari. La serata del 5 luglio si conclude con il dj-set di Samuel che chiude la seconda edizione di Eolie Music Fest.

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium